Stampa la pagina

Prestazioni extraospedaliere ed aggiuntive
 

Documentazione
Le richieste di rimborso corredate dalla documentazione di spesa in originale, devono pervenire alla CRAMAS nel termine di 30 giorni dalla data di emissione della relativa fattura. Ogni richiesta deve essere accompagnata dalla prescrizione del medico con la certificazione della specifica patologia. Non sono rimborsabili spese sanitarie per prestazioni, ovunque effettuate, a titolo di controllo o prevenzione, ovvero in assenza di patologia.
Dal Codice di Deontologia Medica, art 22: “Certificazione – il medico non può rifiutarsi di rilasciare direttamente al paziente certificati relativi al suo stato di salute” .
 
Analisi e accertamenti
Nel caso di analisi ed accertamenti effettuati presso strutture sanitarie private, il contributo è pari al 50% della spesa documentata, con un massimale annuo per assistito di euro 600,00.
Per le donne in stato di gravidanza il massimale è portato ad euro 1000,00.

Visite Specialistiche
 

E' fissato il rimborso nella misura percentuale del 50% rispetto alla spesa sostenuta, sino alla concorrenza di un massimale annuo per nucleo familiare diversificato in base ai componenti il nucleo stesso:

- euro 350,00 nucleo di 1 o 2 persone;

- euro 500,00 nucleo di 3 o 4 persone;

- euro 600,00 nucleo da 5 persone in poi.

Per eventuali visite specialistiche a bambini di età inferiore a 2 anni e/o visite specialistiche in gravidanza, è previsto un incremento di euro 200,00 rispetto ai predetti massimali

Lenti da Vista (oftalmiche o corneali)
E’ rimborsabile sino all’ 80% della spesa con riguardo al costo delle sole lenti (le spese per la montatura non sono rimborsabili) così diversificate sulla base del deficit visivo (limitatamente ad un occhiale l’anno):
  • euro 80,00 per lenti sferiche ed astigmatiche fino a 4 diottrie, sommando i due gradi, sferico e cilindrico;
  • euro 160,00 per lenti sferiche ed astigmatiche, per lenti bifocali e per lenti al titanio tra 4 e 8 diottrie, sommando i due gradi, sferico e cilindrico;
  • euro 300,00 per lenti speciali relative a carenze visive oltre le 8 diottrie tra lente sferica ed astigmatica, sommando i due gradi;
  • per le lenti corneali dette “usa e getta” il massimale annuo per assistito previsto è di euro 80,00 a prescindere dal grado delle diottrie indicate nella specifica.

    Non sono ammesse a rimborso:
  • le spese per lenti che non siano prescritte dallo specialista, fatta eccezione per i casi di difetti semplici e presbiopia per i quali può valere anche la misurazione effettuata da ottici optometristi diplomati;
  • le spese per le lenti colorate o non graduate.
Protesi ed ausili ortopedici
E’ rimborsabile sino all’80% della spesa fatturata con i seguenti massimali annui per assistito:
  • protesi acustiche (monolaterali - bilaterali) contributo con un massimale annuo di euro 600,00 per apparecchio, ripetibile ogni due anni;
  • plantari e calzature ortopediche con prescrizione medica: contributo con un massimale di euro 120,00. Un paio ogni due anni oltre il 12° anno di età. Per età inferiori il contributo può essere ripetuto ogni anno dietro motivata prescrizione medica (sono escluse dal rimborso qualsiasi tipo di soletta);
  • corsetti, busti, cinti, calze elastiche (limitatamente a due paia l’anno), stampelle canadesi, bastoni a tripode, deambulatori, ginocchiere con un massimale annuo di euro 150,00, semprechè l’esigenza sia documentata dallo specialista;
  • protesi ortopediche a persone portatrici di handicap, contributo con un massimale annuo di euro 1.500,00;
  • parrucche per alopecia da trattamento chemio/radioterapico antiblastico, contributo con un massimale di euro 300,00;
I rimborsi per spese di acquisto o affitto di sedie a rotelle, la cui esigenza sia documentata dal Medico specialista, saranno rispettivamente di euro 500,00 e di euro 125,00.
Terapie fisiche e riabilitative

Il contributo economico è previsto solo per prestazioni fruite presso strutture sanitarie con propria Direzione Medica ed è pari al 50% della somma esposta in fattura.

Le terapie fisiche e riabilitative sono catalogate in due gruppi:

1  neurologiche (es. post ictus), cardiologiche (es. post infarto), post traumatiche e post chirurgiche, con un massimale annuo di euro 400,00 per assistito;

2.  ortopediche, reumatologiche, psicoterapiche e logopediche, con un massimale annuo di euro 300,00 per assistito.

Inoltre per le seguenti terapie particolari vale quanto segue:

  •  per le terapie radiani e/o con radionuclidi nonchè trattamenti di chemio/cobaltoterapia, il rimborso sarà erogato al 50% a singola seduta con massimale annuo per assistito di euro 3.000,00;
  •  noleggio apparecchiatura per kinesiterapia o magnetoterapia a domicilio, limitatamente a postumi di fratture o da interventi chirurgici: contributo econimico pari all' 80% della relativa spesa fino ad un massimo di euro 100,00 mensili e per non più di 2 mesi.
Ambulanza
È rimborsabile l’80% della spesa fatturata per trasporto effettuato in emergenza e/o su prescrizione del medico personale, con massimale annuo di euro 150,00 per assistito.
Latte artificiale per neonati
È rimborsabile l’80% della spesa documentata, fino a 12 mesi dalla nascita e con un massimale annuo di euro 200,00. In caso di parto plurimo il contributo viene moltiplicato per il numero dei nati. Quando la prescrizione prevede l’acquisto di particolari qualità di latte a causa di intolleranze alimentari documentate o di malattie metaboliche, il massimale è portato a euro 500,00.
 
Spese di viaggio

Per ricoveri motivati in relazione a specifica patologia indicata dal medico curante e/o dallo specialista e per cicli di cure oncologiche, è rimborsabile il 50% della spesa documentata a carico dell’Assistito per viaggi in Italia e all’estero, nonché della spesa di viaggio sostenuta per l’accompagnatore (escluso vitto ed alloggio). Il massimale annuo è pari ad euro 1.000,00 per nucleo familiare. La documentazione deve essere completa di resoconto o cartella clinica del centro medico accreditato.

Ticket

Tutte le spese per tickets relative a qualsiasi prestazione effettuata presso strutture del SSN sono rimborsate integralmente. Su tutte le liquidazioni per rimborso di spese di tickets, non verranno applicati i diritti di segreteria. Sono escluse certificazioni di spesa pari o inferiori a euro 10,00, nonché tickets per pronto soccorso relativamente ai casi di “codice bianco” e ogni prestazione non prevista dal presente tariffario. 

Assistenza domiciliare e/o ospedaliera:

Il contributo è pari a 5,00 euro orarie con un massimale di  euro 1.500,00 annuo per assistito. Le spese di assistenza sono rimborsate solo se accompagnate da motivata prescrizione del medico curante e prestata da personale sanitario abilitato.

Odontoiatria da infortunio:

In caso di infortunio, la Cramas rimborsa le spese odontoiatriche limitatamente al danno diretto subito e non a quello eventualmente indotto o causato da infortuni verificatisi precedentemente, ne le conseguenze future che tale infortunio possano derivare.

Il rimborso ammonta al 50% della spesa riguardante la riparazione del solo elemento dentario eventualmente danneggiato fino alla concorrenza di euro 1000,00 per anno/nucleo.

Per accedere al rimborso è necessario esibire unitamente al modulo di richiesta, certificato del pronto soccorso che ha riscontrato l'infortunio e ricevuta fiscale del medico specialista.

Dal referto del pronto soccorso dovrà essere evidente il collegamento tra l'infortunio e gli interventi odontoiatrici necessari.

Ortodonzia:

Sono beneficiari della prestazione i soggetti fino a 16 anni di età.

Il rimborso si articola come di seguito indicato sino alla concorrenza del massimale annuo di euro 1500,00 per nucleo familiare.

- Cefalometria e piano di trattamento fino ad euro 60,00

- Trattamento ortodontico mobile:

  • 1° anno fino ad euro 350,00 ad arcata
  • 2° anno fino ad euro 300,00 ad arcata

- Trattamento ortodontico fisso:

  • 1° anno fino ad euro 400,00 ad arcata
  • 2° anno fino ad euro 350,00 ad arcata

-  Apparecchio di contenzione post-trattamento fino ad euro 80,00

Estrazione degli ottavi (denti del giudizio)

La Cramas rimborsa il 50% della spesa per l'estrazione degli ottavi sino alla concorrenza del massimale annuo di euro 800,00 per assistito.

Il rimborso della prestazione sarà effettuato dopo che la commissione medica della Cramas avrà esaminato l'ortopanoramica (il cui costo verrà interamente rimborsato) effettuata prima dell'intervento, dalla quale dovrà risultare l'ottavo elemento dentario oggetto dell'estrazione.

Oltre al modulo di richiesta di rimborso e la ricevuta fiscale del dentista che ha effettuato la prestazione occorre produrre l'ortopanoramica sulla quale deve essere riportato cognome e nome del beneficiario e data dell'esecuzione.

Fecondazione in vitro (fivet):

Contributo una tantum di euro 500,00 non ripetibile.

Contributo nuove nascite:

Hanno diritto al contributo di euro 500,00 per ogni nuova nascita, le famiglie in cui almeno uno dei genitori del neonato sia iscritto alla Cramas ed abbia maturarto il periodo di carenza, ed abbiano provveduto ad iscrivere il neonato stesso nei termini (entro 30 giorni dalla nascita).

Contributo straordinario

Su richiesta dell’assistito, il Consiglio di amministrazione può eccezionalmente deliberare, tenuto anche conto della situazione economica del nucleo familiare, l’erogazione di contributi straordinari in situazione di particolare disagio per patologie acute e croniche.
Assegno di Solidarietà
In caso di decesso di un assistito, è previsto un “assegno di solidarietà” dell’importo di euro 1.500,00.
Modulistica
cramas modulistica
 
Convenzioni
cramas convenzioni
 
Novità
cramas novità
 
Iniziative
Volantino_Osteoporosi
 
Powered by Iccrea Banca